Questa pagina appare migliore se Javascript è attivo

Gli Impianti Sportivi Americani ed il TPL

 ·   ·  ☕ 13 minuti  ·  ✍️ Francesco Bresciani

Questo articolo rappresenta il primo di una serie di articoli in cui andrò a descrivere come i principali impianti sportivi degli Stati Uniti sono serviti dal TPL, concentrandomi in particolare sui mezzi su ferro.

Introduzione

Oltre ad essere uno spunto interessante di discussione ogni articolo rappresenta l’occasione di introdurre reti di cui discuterò in maggior dettaglio in articoli successivi.
Per ogni città inizierò descrivendo brevemente gli impianti sportivi dei principali sport professionistici americani: football americano, baseball, basket e hockey su ghiaccio. In linea generale non mi occuperò degli sport universitari nonostante basket e soprattutto football americano abbiano un numero di spettatori confrontabile se non talvolta superiore a quello degli analoghi sport professionistici, non a caso gli stadi di football americano più grandi sono proprio quelli universitari. Questo perché gli impianti sono quasi esclusivamente situati all’interno dei campus, in zone periferiche delle grandi città o addirittura in piccole città per cui non sempre sono serviti da linee di forza ed inoltre una quota estremamente significati degli spettatori è rappresentato dagli studenti che risiedono nel campus o nelle immediate vicinanze e raggiungono per tanto gli impianti a piedi. Tuttavia per le città in cui sono serviti da linee di forza terrò conto anche di questi impianti. Dopo aver descritto gli impianti parlerò brevemente delle linee di forza che li servono, ricordando comunque che si tratta di un articolo introduttivo e che una descrizione dettagliata della rete è rimandata a successivi articoli di approfondimento.

Tifosi di baseball attendono la light rail a Baltimora

Tifosi di baseball in attesa della light rail a Baltimora. Di Jaymyang (Own work) CC BY-SA 3.0, attraverso [Wikimedia Commons](https://commons.wikimedia.org/wiki/File%3ABaltimore_Light_Rail_Camden_Yard_1.jpg

Non seguirò un particolare ordine, ma verosimilmente mi ispirerò alla cronaca. Per esempio a fine mese di Luglio verrà inaugurato il nuovo sta stadio di football americano di Minneapolis, quindi verosimilmente coglierò l’occasione per descrivere quella città. Similmente a settembre dovrebbe essere attivata la linea di streetcar di Cincinnati, sarà un’occasione per parlare della città dell’Ohio.

Nel resto di questo articolo mostrerò delle tabelle riassuntive per ogni sport, dopo aver brevemente ricordato come sono organizzati i campionati, in modo da far presente quante partite e in genere in quali giornate/orari si giocano.

Prima delle tabelle riassuntive conviene ricordare che negli sport professionistici americani non esistono né promozioni né retrocessioni. Questo non significa che la struttura dei campionati rimanga immutata nel tempo. Le squadre, o meglio le franchigie come vengono chiamate, possono fallire o, se mutano le condizioni economiche, chiedere l’autorizzazione a trasferirsi in un altra città. Non è raro anche il caso che se si decida di creare nuove franchigie in mercati non ancora coperti. Per esempio dal 2017 ci sarà una nuova franchigia di hockey a Las Vegas, mentre sembra essere nei piani della NFL avere una franchigia a Londra, anche se bisognerà valutare l’effetto dell’uscita della Gran Bretagna dalla UE. Quando una franchigia si trasferisce in un’altra città in genere, anche se ci sono state di recente delle eccezioni, trasferisce con sé anche i titoli sportivi acquisiti. Questa è una arma di pressione molto potente nei confronti delle tifoserie e degli enti locali che viene spesso utilizzata per costringere a finanziare la costruzione di nuovi impianti sportivi, come potrete vedere sono parecchi gli impianti di nuova realizzazione o in corso di costruzione

NBA

Sono 30 le franchigie che partecipano al massimo campionato professionistico di Basket, di cui una è canadese. La stagione regolare prevede 82 partite, a cui si aggiungono i playoff, giocati al meglio delle 7 partite, per un totale nel caso migliore di poco meno di 60 partite casalinghe all’anno. Va detto che la maggior parte degli impianti sono multifunzionali, non solo utilizzati per il basket ma anche per altri sport indoor come l’hockey sul ghiaccio, l’Arena football, e eventi occasionali come incontri di boxe, wrestling, MMA o concerti

La cartina seguente mostra la posizione delle 30 franchigie NBA

Localizzazione franchigie NBA

Localizzazione delle 30 franchigie professionistiche di basket, i diversi colori rappresentano le divisioni in cui giocano. Lokal_Profil CC BY-SA 2.5, via Wikimedia Commons

La tabella seguente riassume la situazione:

Franchigia Città Impianto Capienza Ferrovie Metropolitane Light Rail Streetcar
Boston Celtics Boston TD Garden1 18624 Amtrak — MBTA Commuter Rail MBTA Linea Arancione MBTA Linea Verde
Brooklyn Nets New York City Barclays Center 17732 Long Island Rail Road NYCTA Linee 2, 3, 4, 5, B, D, N, Q, R
New York Knicks New York City Madison Square Garden2 19812 Amtrak — Long Island Rail Road — PATH NYCTA Linee 1, 2, 3, A, B, C, D, E, F, M, N, Q, R
Philadelphia 76ers Philadelphia Wells Fargo Center 20478 SEPTA Broad Street Line
Toronto Raptors Toronto (Canada) Air Canada Center 19800 Go Transit TTC Linea Yonge - University
Chicago Bulls Chicago United Center 20917 CTA Linea Blu
Cleveland Cavaliers Cleveland Quicken Loans Arena 19432 RTA Linea Rossa RTA Linee Verde e Blu
Detroit Pistons Detroit Little Caesars Arena3 20491 QLINE Streetcar
Indiana Pacers Indianapolis Bankers Life Fieldhouse 17923
Milwaukee Bucks Milwaukee Fiserv Forum4 17500
Atlanta Hawks Atlanta Philips Arena 18118 MARTA Linee Verde e Blu
Charlotte Hornets Charlotte Time Warner Cable Arena 19077 LYNX Linea Blu CityLYNX Linea Oro
Miami Heat Miami American Airlines Arena 19600 Miami MetroRail5
Orlando Magic Orlando Amway Center 18846 SunRail
Washington Wizards Washington DC Capital One Arena6 20356 Washington Metro Linee Rossa, Verde, Gialla
Denver Nuggets Denver Pepsi Center 19520 RTD Linee C, E, W
Minnesota Timberwolves Minneapolis Target Center 18798 MetroTransit Linee Blu e Verde
Oklahoma City Thunder Oklahoma City Chesapeake Energy Arena 18203
Portland Trail Blazers Portland Moda Center 19441 MAX Linee Blu, Gialla, Rossa e Verde
Utah Jazz Salt Lake City Vivint Smart Home Arena 18300 TRAX Linee Blu e Verde
Golden State Warriors Oakland Oracle Arena 19596 Amtrak Capitol Corridor BART
Los Angeles Clippers Los Angeles Staples Center 19060 Metro Linee Blu ed Expo
Los Angeles Lakers Los Angeles Staples Center 18997 Metro Linee Blu ed Expo
Phoenix Suns Phoenix Talking Stick Resort Arena 18422 Valley Metro Rail
Sacramento Kings Sacramento Golden 1 Center 17608 Sacramento Regional Transit District linee Oro, Blu e Verde
Dallas Mavericks Dallas American Airlines Center 19200 Trinity Railways Express DART Linee Arancione e Verde
Houston Rockets Houston Toyota Center 18055 METRORail Linea Rossa
Memphis Grizzlies Memphis FedExForum 18119
New Orleans Pelicans New Orleans Smoothie King Center 16867 RTA Linea Upt–Loyola
San Antonio Spurs San Antonio AT&T Center 18418

NHL

Fanno parte della National Hockey League, la principale lega professionistica di Hockey su ghiaccio, 30 franchigie di cui 23 negli Stati Uniti e 7 in Canada. A partire dalla stagione 2017-2018 ci sarà una 31-esima franchigia che giocherà a Las Vegas. Il campionato è strutturato in maniera simile alla NBA, con 82 incontri in stagione regolare per ogni squadra (41 in casa e 41 fuori) e 8 squadre per ognuna delle due conferenze che partecipano ai play off, per un totale quindi di 16 squadre come nella NBA. Il calendario è sostanzialmente sovrapposto a quello NBA con la stagione regolare che si protrae da ottobre a metà aprile circa e i play off che si protraggono fino a giugno. Molti impianti sono in comune con impianti NBA questo significa che nell’arco dei 6 mesi tra ottobre e aprile si giocano tra NBA e NHL negli impianti in comune 82 partite, quindi circa una ogni due giorni

La mappa seguente mostra la posizione delle attuali franchigie NHL

Localizzazione delle franchigie NHL

Localizzazione delle 30 attuali franchigie professionistiche di hockey su ghiaccio, i diversi colori rappresentano le divisioni in cui giocano, non è ancora inclusa la nuova franchigia di Las Vegas. Bmf 051 CC BY-SA 4.0, tramite Wikimedia Commons

La tabella seguente riassume la situazione. In grassetto gli impianti in comune con una franchigia NBA (vedi tabella precedente).

Franchigia Città Impianto Capienza Ferrovie Metropolitane Light Rail Streetcar
Boston Bruins Boston TD Garden 17565 Amtrak — MBTA Commuter Rail MBTA Linea Arancione MBTA Linea Verde
Buffalo Sabres Buffalo KeyBank Center 7 18690 NFTA Metro Rail8
Detroit Red Wings Detroit Little Caesars Arena 19515 QLINE Streetcar
Florida Panthers Sunrise BB&T Center 19250
Montreal Canadiens Montreal (Canada) Bell Centre 21288 Montreal Metro linea Arancione
Ottawa Senators Ottawa (Canada) Canadian Tire Centre 18652
Tampa Bay Lightining Tampa Amalie Arena 19092 TECO Line
Toronto Maple Leafs Toronto (Canada) Air Canada Center 18800 Go Transit TTC Linea Yonge-University
Carolina Hurricanes Raleigh PNC Arena 18680
Columbus Blue Jackets Columbus Nationwide Arena 18500
New Jersey Devils Newark Prudential Center 16514 Amtrak — PATH — NJ Transit Linee Northeast Corridor, Raritan Valley, North Jersey Coast Newark Light Rail
New York Islanders New York City Barclays Center 15795 Long Island Rail Road NYCTA Linee 2, 3, 4, 5, B, D, N, Q, R
Philadelphia Fliers Philadelphia Wells Fargo Center 19543 Septa Broad Street Line
Pittsburgh Penguins Pittsburgh PPG Paints Arena 18387 Port Authority of Allegheny County Linee Rossa e Blu
Washington Capitals Washington DC Capital One Arena 18506 Washington Metro Linee Rossa, Verde e Gialla
Anaheim Ducks Anaheim Honda Center 17174 Amtrak Pacific Surfliner — Orange County Line
Arizona Coyotes Glendale Gila River Arena 17125
Calgary Flames Calgary (Canada) Scotiabank Saddledome 19289 Calgary Transit CTrain
Edmonton Oilers Edmonton (Canada) Rogers Place 18347 Edmonton Light Rail
Los Angeles Kings Los Angeles Staples Center 18230 Metro linee Blue ed Expo
San Jose Sharks San Jose SAP Center at San Jose 17562 Amtrak Capitol Corridor — Altamont Commuter Express — Caltrain VTA Linea Mountain View–Winchester
Vancouver Canucks Vancouver (Canada) Rogers Arena 18910 SkyTrain Linee Expo e Millenium
Chicago Blackhawks Chicago United Center 19717 CTA Linea Blu
Colorado Avalanche Denver Pepsi Center 18007 RTD Linee C, E, W
Dallas Stars Dallas American Airlines Center 18532 Trinity Railways Express DART Linee Arancio e Verde
Minnesota Wild St Paul Xcel Energy Center 17954 MetroTransit Linea Verde
Nashville Predators Nashville Bridgestone Arena 17113
St. Louis Blues St. Louis Scottrade Center 18724 MetroLink linee Rossa e Blu
Winnipeg Jets Winnipeg (Canada) MTS Centre 15321
Las Vegas Knights Las Vegas T-Mobile Arena 17500

Conclusioni

Prima di qualche considerazione conclusiva tengo ancora a ricordare che questo articolo non ha alcuna pretesa scientifica, vuole solo essere una fotografia dello stato di fatto dei collegamenti su ferro con gli impianti sportivi, ma soprattutto uno spunto da cui partire per discutere di alcune reti interessanti. Proprio per questo motivo sono state fatte alcune scelte arbitrarie e per certi versi anche discutibili.

Prima di tutto non ho considerato i collegamenti via autobus. Questo in parte è dovuto alla minor capacità che offrono, ma in parte anche al fatto che intendo occuparmi su questo blog principalmente di reti su ferro e quindi sarebbe stato molto impegnativo. Altri casi in cui ho fatto delle scelte arbitrarie riguardano le ferrovie suburbane e le linee di streetcar. Nel primo caso va detto che molte di quelle linee, con l’esclusione delle metropoli più grandi, hanno frequenze molto limitate, talvolta meno di 10-15 coppie al giorno. Ho deciso comunque di includerle perché in alcuni casi vengono istituiti servizi speciali. Ho escluso solamente il Music City Star di Nashville in quanto ha una frequenza veramente ridotta e non sono a conoscenza di servizi speciali, ma mi riservo di includere nuove linee od escluderne altre quando le affronterò più in dettaglio.

Altra scelta probabilmente discutibile è l’inclusione delle linee di streetcar. Le reti considerate sono quasi sempre a bassa frequenza e, almeno per i casi analizzati, svolte con mezzi storici. Le ho incluse comunque in parte perché sono servizi notevolmente più visibili rispetto ad un collegamento svolto con autobus, sia perché talvolta con investimenti relativamente poco impegnativi non è difficile trasformarle in linee più moderne, in grado di offrire capacità più che discrete

Conviene a questo punto precisare, per chi non la conoscesse, la differenza tra streetcar e light rail.

Una linea di streetcar è una linea a carattere prevalentemente urbano, con fermate molto frequenti ed il cui percorso è in prevalenza promiscuo al normale traffico automobilistico. Si tratta di reti di bassa capacità in cui spesso vengono utilizzate vetture storiche o ricostruzioni moderne di vetture storiche, ma non sono rare reti realizzate ex novo con tram moderni, come nel caso di Kansas City (che però non serve impianti sportivi) e Cincinnati

Streetcar di New Orleans

Una vettura della rete di Streetcar di New Orleans. Didier Moïse CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Una light rail è una linea a carattere prevalentemente suburbano/interurbano, con fermate piuttosto distanziate e percorso per la maggior parte se non interamente segregato dal traffico privato. Non sono rari casi di linee di light rail con passaggi a livello o tratti di percorso in viadotto o in sotterraneo proprio per avere un percorso completamente segregato dal traffico. Sono linee ad alta capacità, che spesso vedono circolare tram in doppia se non tripla composizione

Tripla composizione in servizio sulla light rail di Denver

Tripla composizione in circolazione su una delle linee di Light rail di Denver. Di Greg Goebel from Loveland CO, USA (Yvltr_1b Uploaded by High Contrast) CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

Fatte queste doverose premesse, che varranno anche quando mi occuperò in prossimi articoli di baseball e football americano veniamo a qualche cifra che riassuma la situazione

  • Le 61 franchigie professionistiche di basket e hockey su ghiaccio vengono ospitate in 51 impianti diffenti con una capacità che oscilla da un minimo di 15300 ad un massimo di 21600
  • Dei 51 impianti 16 (pari al 31%) non hanno nessun collegamento via ferro.
  • 4 (8%) impianti su 51 sono serviti da linee di streetcar ed in 2 casi (Tampa e New Orleans) si tratta dell’unico mezzo su ferro li collega
  • 10 (20%) impianti su 51 sono serviti da una o più linee ferroviarie suburbane, ma solo in un caso (*Anaheim) si tratta dell’unica modalità di trasporto su ferro che serve il palazzetto
  • 13 palazzetti su 51, pari al 25% del totale sono serviti da una o più linee di metropolitana
  • La modalità in assoluto più diffusa è la light rail, che serve ben 21 impianti su 51 pari al 41% del totale
  • Notevoli i casi di Boston e New York (Madison Square Garden) dove gli impianti sono costruiti esattamente sopra importanti stazioni ferroviarie servite anche da metropolitane e, nel caso di Boston, anche da light rail

Si conclude così questo primo articolo, nei prossimi giorni mi occuperò degli impianti di baseball e football americano. Ricordandovi che è solo un articolo introduttivo e che nei prossimi mesi analizzerò più in dettaglio alcuni casi spero comunque che sia stato interessante. Sentitevi liberi di commentare, correggere, criticare o insultare (spero di no XD) sia direttamente nella sezione dei commenti che troverete più in basso sia contattandomi con una delle modalità che trovate nel box sulla sinistra


  1. Il TD Garden è costruito sopra alla North Station di Boston ↩︎

  2. Il Madison Square Garden è costruito sopra alla Penn Station di New York ↩︎

  3. Impianto aperto nel 2017 in sostituzione della Joe Louis Arena ed utilizzato anche dai Detroit Pistons che hanno di conseguenza abbandonato il palazzetto che utilizzavano ad Auburn Hills, città lontana quasi 50 km da Detroit ↩︎

  4. Inaugurato nel 2018 sostituisce il BMO Bradley Center, localizzato immediatamente a sud del Fiserv Forum e che verrà demolito ↩︎

  5. La metropolitana non è molto vicina al palazzetto (almeno 700 m), ma alla fermata Government Center è possibile interscambiare gratuitamente con il People Mover di Miami che ha una fermata proprio davanti all’American Airlines Center ↩︎

  6. Nuovo nome a partire dal 2017 dell’impianto precedentemente noto come Verizon Center ↩︎

  7. Precedentemente noto come First Niagara Center, rinominato nel 2016 ↩︎

  8. La stazione a servizio del palazzetto è posta tra capolinea ordinario e deposito e viene attivata solo in caso di eventi al KeyBank Center ↩︎

Condividi su
Dai il tuo supporto all'autore donando con

Francesco Bresciani
SCRITTO DA
Francesco Bresciani